Miele in cucina, sapore e contrasto

Miele in cucina, sapore e contrasto

Il miele in cucina, quella nota di gusto in più. Ogni varietà ha il suo accostamento ideale: ecco i tipi di miele più usati in cucina e come abbinarli.

 

I più delicati

 

Il miele millefiori è sicuramente un valido alleato in cucina, si adatta a molte preparazioni, complici le sue spiccate note floreali. Tra gli abbinamenti più apprezzati: con i formaggi freschi, taleggio e squacquerone, ed altre tipologie di formaggio stagionato; con il pollo soprattutto se combinato insieme a rosmarino, limone e anice stellato.
Il carattere delicato è una peculiarità del miele di acacia e di sulla, questi due tipi di miele non coprono i sapori ma li esaltano. Potete gustarli in abbinamento con formaggi freschi o erborinati a bassa stagionatura (per esempio, il gorgonzola), usarli negli impasti per dolci e per panificare.

ricette miele

L’accostamento di miele e formaggio, che buona idea!

 

I più aromatici

 

L’aroma, il profumo, il sapore: conoscere il miele per combinarlo in cucina e ottenere un risultato gustoso e fantasioso. Quanto a profumo e sapore, il miele di bosco o di melata ha un gusto riconoscibile che sa di frutta secca e datteri. L’abbinamento perfetto? I formaggi freschi, lo yogurt e nelle ricette dove è previsto l’uso di spezie come pepe, chiodi di garofano e noce moscata. Se amate i pancake, potete sostituire lo sciroppo d’acero con il miele di bosco.
Il miele di eucalipto ha un sapore simile a quello delle caramelle mou e liquirizia, ha note salate e un carattere deciso per questo risulta perfetto se accostato a latte, burro, formaggi stagionati tipo il pecorino, è ottimo anche nei dolci e per insaporire piatti di pesce e carne, tonno e maiale.
Rientra nella categoria “aromatici” il miele di arancio che, con le sue note floreali e fruttate, è adatto ad ogni uso: profuma gli impasti e le creme da dessert, può essere usato per aromatizzare lo yogurt e il vinaigrette ma anche le insalate e i piatti a base di pesce. Tra i formaggi, l’abbinamento perfetto è con mozzarella e scamorza.
Se cercate un gusto fresco, consigliamo il miele di girasole con il suo sentore di albicocca, ananas e mango candito. Sicuramente perfetto per accompagnare le frittate o le uova in generale, è l’ingrediente che cercavate per i biscotti secchi da fare in casa. Un piccolo suggerimento creativo: usatelo con il cous cous per fare un dolce a base di pistacchi, miele e frutti di bosco.

 

I più amari

 

Nella lista dei più amari compaiono il miele di castagno e quello di corbezzolo. Il primo è normalmente accostato a pietanze dal sapore forte (carne e selvaggina), formaggi stagionati come il Parmigiano Reggiano. Molto buono anche l’abbinamento con noci e nocciole, se avete voglia di servire a tavola un antipasto gustosissimo provate quest’idea: fette di pane, mele, brie e miele per un crostino gourmet davvero super!

miele
Il miele di corbezzolo, per il suo sapore amaro e persistente, è poco adatto ai dolci e più idoneo ad accompagnare verdure amare o formaggi stagionati, come i pecorini, è buono anche insieme alla ricotta.

 

I più esotici

 

Ha un sapore esotico, richiamante la noce di cocco… Stiamo parlando del miele di coriandolo che è usato per dolcificare infusi e tè o servito come accompagnamento di formaggi stagionati, come il castelmagno. Un altro uso piuttosto diffuso: piatti di verdure, carne e pesce aromatizzati al curry.

 

Dalle note floreali a quelle più amarognole, il miele in cucina può dare un tocco distintivo, esaltare i sapori e completare o rendere ancora più interessante la degustazioni di formaggi, grazie al gioco dei contrasti.
In un altro articolo abbiamo indicato i tipi di miele adatti ai bambini e quanto sia importante e una buona abitudine da coltivare sin da piccoli: il miele a merenda è nutriente e curativo al tempo stesso. Per questo coloro che si accostano all’apicoltura, tramite l’acquisto di arnie e produzione propria di miele, hanno grandi opportunità: mettere a frutto la creatività in cucina, solleticando il palato con gusto e contrasti di dolce e sapido, abituare i bimbi alle buone abitudini alimentari, conoscere le potenzialità del miele.