Apicoltore è anche creatività, l’esempio di Gennaro!

Apicoltore è anche creatività, l’esempio di Gennaro!

Ispirazioni del giorno: essere apicoltore con estro e creatività. Certamente Gennaro Acampora è un apicoltore moderno, ha appreso l’arte dai più anziani ed ha rivisitato l’apicoltura in modo originale e del tutto personale. Il primo Honey Bar d’Italia nasce da una sua idea, per scoprire cosa troverete in questo singolare bar genovese e perché essere apicoltore moderno faccia la differenza non dovrete far altro che leggere l’articolo!

 

La storia: apicoltore e bartender

 

apicoltore moderno

Esempi di apicoltori creativi: Gennaro Acampora, ideatore dell’Honey Bar?
Photo credits Facebook @thehoneybargenova

Allevatore di api, combattente dei pesticidi, creatore di cocktail e salse unici, barista sui generis e sommelier di miele. Gennaro è un apicoltore moderno, ha rivisitato un mestiere antico in nuova chiave con creatività e intuito. Perché per fare apicoltura, esistono infiniti modi e farlo con originalità e ingegno, secondo noi, ripaga!

 

Gennaro Acampora ha raccontato di essersi avvicinato alle api assecondando una sorta di richiamo, la sua affermazione “sento le api” ci ha ricordato la nostra amica Giusy, anche lei apicoltrice.
Il primo passo è stato quello di affiancare un apicoltore esperto per imparare come si fa, perché allevare le api non è assolutamente una cosa che si impara dall’oggi al domani. Da qui l’esigenza di frequentare dei corsi di apicoltura e individuare un maestro, qualcuno a cui ispirarsi e che faccia questo lavoro da tempo.

 

Gennaro possiede circa 20 alveari e gestisce centomila api, produce una tonnellata di miele, il ricavato varia di anno in anno ma di solito, al momento del raccolto, conta dalle quattro alle otto tipologie di miele. Il suo allevamento è piccolo, più simile a quello di un hobbista, e se fosse maggiore, dice, non sarebbe in grado di gestire bene entrambi i lavori.
Infatti Gennaro non è solo un apicoltore ma è anche il proprietario di un bar, un Honey Bar dove l’assortimento beverage è davvero variegato e insolito. I nomi dei cocktail honeymade sono un indicatore importante e fantasioso:

  • mojitiglio, con miele di tiglio, ha un retrogusto balsamico che enfatizza la menta.
  • negroney, con un idromele superiore, prodotto fermentato di miele, in vinificazione, che assomiglia a un vino passito e che, quindi, Gennaro sostituisce con il Vermut.
  • cocktail a base di violetta con videoricetta creato ad hoc per la band musicale Meganoidi, in occasione del lancio del nuovo disco dedicato appunto ad un cocktail.
    Ma dalla fantasia di Gennaro è nata anche una margarita con miele di agrumi usato al posto del Cointreau e un gin tonic aromatizzato con tintura di propoli.
apicoltore

Mojitiglio e negroney, i nomi dei cocktail dicono tutto!
Photo credits Facebook @thehoneybargenova

La salsa barbecue a base di miele è una delle tante preparazioni by Gennaro, è realizzata con miele di melata di metcalfa che ha quel retrogusto di affumicato e pomodoro stracotto.
Altre specialità sono sicuramente Gorgonzopolis, realizzata con gorgonzola, miele e propoli; i ravioli con salame e crema a base di polline e il miele d’edera cristallizzato servito come dessert.

apicoltore

Il miele e tutti i prodotti dell’alveare in chiave nuova: cocktail e piatti gourmet!
Photo credits Facebook @thehoneybargenova

Se non aveste ancora chiaro cosa fosse l’Honey Bar, lo diciamo usando le parole di Gennaro:
“Un locale tematico tutto a base di prodotti dell’alveare”.

 

Apicoltore moderno e sommelier

 

apicoltore

Impariamo ad assaggiare il miele?
Photo credits Facebook @thehoneybargenova

Un apicoltore moderno si reinventa sempre, magari diventando anche un sommelier!
Al momento della vocazione apistica, Gennaro sapeva poco e nulla di questo mondo, e oltre a studiare un modo originale per coniugare i due mestieri (apicoltore e barista), ha scoperto che esiste la sommelerie del miele, ossia l’AMI, ambasciatore dei mieli. Qui ha imparato ad assaggiare il miele e riconoscerlo, ottenendo, poi, il titolo da sommelier.

Presso l’Honeybar si tengono minicorsi gratuiti di assaggio del miele.

 

Ora che avete letto questa singolare storia di apicoltura, non vi viene voglia di personalizzare il vostro mestiere e farne qualcosa di unico? Essere apicoltore moderno e sviluppare una strategia al passo con i bisogni di un pubblico di consumatori sempre più esigente e attento, è certamente un buon inizio!

 

Le immagini presenti nell’articolo sono tratte dalla Pagina Facebook @thehoneybargenova.